Ci sono alternative alle carbon tax? ... Si ...

Il difetto fondamentale delle strategie politiche climatiche esistenti è la loro incapacità di ridurre realmente le emissioni, con le emissioni di CO2 da combustione di combustibili fossili che a livello globale hanno raggiunto  un livello record di 36 miliardi di tonnellate nel 2013 (61% al di sopra dei livelli del 1990, 2,1% al di sopra 2012). Nelle parole dell'Agenzia internazionale per l'energia, affrontare questo richiede una profonda trasformazione del sistema energetico globale.
Ci sono due approcci per raggiungere tale cambiamento radicale in un breve lasso di tempo; la differenza essenziale tra loro deriva da  quale delle due variabili considerate  è regolata. Le politiche per il clima agiscono o influenzando i prezzi dell'energia (ad esempio tramite la tassazione delle emissioni), nella convinzione che la riduzione conseguente delle emissioni sia sufficient ad evitare la catastrofe climatica, o mettendo direttamente un tetto alle emissioni, nella convinzione che i risultanti  effetti sui prezzi non causeranno una  catastrofe economica. Questi approcci sono quindi fondati rispettivamente sulla quantità  e sul prezzo.


Come sia la teoria che l'esperienza presente dimostrano, i meccanismi basati sul prezzo, non sono in grado di fornire la certezza di una adeguata riduzione delle emissioni. Ciò è dovuto in parte alla inelasticità della domanda di energia a fronte di aumenti dei prezzi, ma anche all'incertezza se il prezzo è fissato al giusto livello per riflettere il costo sociale delle emissioni. L'approccio basato sul prezzo inoltre tratta le riduzioni  di  emissioni di pari dimensione come ugualmente fungibili senza distinguere fra emissioni di sussistenza e di lusso. Gli approcci basati sui prezzi come attualmente progettati tendono quindi a danneggiare i più poveri, sia a livello globale che all'interno delle nazioni, poichè l'innalzamento deliberato del prezzo del carbonio rende l'energia insostenibile per molti, di fatto razionandola in base al prezzo.

149

Una alternativa nota da tempo è data dalle TEQ (Tradable Energy Quotes, o quote di energia scambiabili), una proposta per un sistema di scambio delle emissioni nazionali e l'energia, che comprende il commercio del carbonio personale come elemento centrale. E' oggetto di notevole interesse da parte del governo del Regno Unito, ed è espressamente progettata per affrontare sia il cambiamento climatico che il picco del petrolio. Il sistema può essere efficacemente descritto per punti:

  1. TEQ è un sistema di razionamento energetico elettronico progettato per essere attuato a livello nazionale.
  2. Ci sono due motivi per cui un tale sistema può essere necessario:
    • Il cambiamento climatico: per garantire il raggiungimento degli obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni;
    • Approvvigionamento energetico: di mantenere una equa distribuzione di combustibili e di energia elettrica durante i periodi di scarsità.
  3. Le TEQ vengono misurate in unità.
  4. Ogni adulto riceve una data disponibilità gratuita di unità TEQ ogni settimana. Gli altri utenti di energia (governo, industria, ecc) devono partecipare ad un asta settimanale per ottenere le loro.
  5. Se si utilizzano meno unità di quelle ricevute, il surplus può essere rivenduto. Se avete bisogno di più unità, si possono acquistare. Tutto il commercio avviene a un prezzo unico nazionale, che sale e scende in base alla domanda. L'acquisto e la vendita sarebbero facili come l'acquisto di una ricarica telefonica.
  6. Tutti i carburanti (ed elettricità) sono associati ad un "punteggio di carbonio" in unità (TEQ); una unità rappresenta un chilogrammo di anidride carbonica - o l'equivalente in altri gas serra - rilasciato nella produzione ed uso del combustibile.
  7. Quando si acquista l'energia, come ad esempio la benzina per l'automobile o l'elettricità per la famiglia, le unità che corrispondono alla quantità di energia acquistata sono dedotte dalla disponibilità personale di TEQ, in aggiunta al pagamento di denaro. Le transazioni TEQ sono generalmente automatiche, utilizzando una carta di credito o (più spesso), la tecnologia di addebito diretto.
  8. Il numero totale di unità disponibili nel paese è riportato nel bilancio TEQ. La dimensione del bilancio scende di anno in anno - passo dopo passo, come una scala.
  9. Il bilancio è fissato dal comitato sui cambiamenti climatici, che è indipendente dal governo. Il governo è in sé vincolato dal programma TEQs: il suo ruolo è quello di promuovere il benessere del paese nei limti del carbonio / energia disponibile.
  10. Poiché il prezzo nazionale TEQ è determinato dalla domanda nazionale, è ovviamente  nell'interesse di tutti collaborare alla riduzione della domanda di energia, incoraggiando il senso nazionale di uno scopo comune.

150

fonte: resilience.org, teqs.net, wikipedia