Rapporto ENEA su biomasse ed ambiente

Nel rapporto "Gli impatti energetici e ambientali dei combustibili nel settore residenziale", l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile ipotizzando vari scenari energetici al 2030 — quello a legislazione vigente, quello a "biomassa costante" (consumo non superiore alle stime Istat 2014) e quello "decarbonizzazione" — ha sottolineato che in tutti i casi i miglioramenti tecnologici riducono le emissioni di inquinanti come il particolato ma le riduzioni sono minori quando aumenta l'uso di biomassa legnosa nel settore residenziale.
Per ridurre gli effetti nocivi per l'aria e la salute secondo l'Enea occorre agire su tre fronti: condizionare gli incentivi alle biomasse legnose all'adozione delle migliori tecnologie, stringere su limiti di emissione più rigorosi, spingere su incentivi indiretti, come quelli per ricerca e innovazione su sistemi di abbattimento del particolato più efficaci e a basso costo. Anche la fiscalità oggi favorevole alla biomassa andrebbe "riequilibrata" tenendo conto degli impatti delle emissioni inquinanti come il particolato.

164

fonte: reteambiente, casaeclima, alternativasostenibile