IEA World Energy Outlook 2014: i punti salienti della scheda informativa

L'Agenzia Internazionale dell'Energia (IEA) ha recentemente pubblicato il suo World Energy Outlook 2014, corredato da una sintesi ed una scheda informativa. Di seguito riportiamo i punti evidenziati nella scheda informativa.

Come evolveranno i mercati energetici globali per il 2040?
 

  • Nello Scenario Nuove  Politiche, la domanda di energia  al 2040 cresce del  37%   rispetto  a  quello  basato   sulle  politiche  attualmente pianificate, con un tasso medio di crescita del 1,1%.
  • La crescita della domanda di  energia si sposta decisamente lontano dai paesi OCSE.
  • Il riordino dei flussi di mercato dell' nergia verso  i mercati asiatici acquista velocità.
  • La  fornitura mondiale  di petrolio  aumenta di  14 mb/d  (milioni di barili al  giorno) raggiungendo i  104 mb/d  nel 2040, ma  la tendenza dipende criticamente  dalla tempestività  degli investimenti  in Medio Oriente.
  • Tutte  le principali  aree del  mondo, tranne  l'Europa, contribuiscono alla crescita di oltre il 50% della produzione di gas naturale.
  • La  domanda mondiale  di carbone  cresce a  un tasso  molto più  basso rispetto agli ultimi 30 anni:  lo 0,5% all'anno, raggiungendo le 6.350 Mtce (milioni di tonnellate di carbone equivalente ) nel 2040.
  • L'efficienza energetica  rallenta la crescita della  domanda di energia, riduce  gli  investimenti sul  lato  dell'offerta  e riduce  i  prezzi internazionali dell'energia.
  • Molti governi hanno  annunciato nuove misure per  frenare le emissioni di CO2  nel periodo  che precede  il vertice  sul clima  delle Nazioni Unite a  Parigi nel 2015,  ma queste non permetteranno  di raggiungere l'obiettivo dei 2 °C.


Cosa ci riservano i combustibili fossili?
 

  • Nello Scenario  Nuove Politiche la  domanda di petrolio aumenta  di 14 mb/d, per  raggiungere 104 mb/d  nel 2040, nonostante le  misure e le politiche volte a promuovere l'efficienza energetica e la sostituzione dei combustibile.
  • L'importanza  relativa  dei  produttori  non-OPEC  aumenta  in  questo decennio, ma solo i grandi produttori dell'OPEC in grado di soddisfare la domanda a lungo termine.
  • Il  settore della  raffinazione  deve adattarsi  alla nuova  geografia della domanda e offerta di  petrolio e la composizione variabile degli approvvigionamenti, un  processo che sembra  particolarmente difficile per l'Europa, che  continua ad avere un grande eccesso  di capacità di raffinazione.
  • L'uso del gas a livello  globale continua a crescere, raggiungendo una domanda di  5,4 tcm (tera cubic meters) nel  2040 - portando il  gas a condividere  con il carbone il secondo posto nella classifica dei combustibili più consumati, dopo il petrolio.
  • Aumenta la  produzione di  gas in tutte  le principali  regioni tranne l'Europa.
  • La  crescita della  domanda  di  carbone è  guidata  dal rigore  delle politiche sul carbonio.
  • La  produzione di  carbone si  sposta ulteriormente  verso la  regione Asia-Pacifico.


Energia elettrica e Rinnovabili
 

  • Nello  Scenario  Nuove  Politiche,   la  domanda  mondiale di  energia elettrica aumenta di quasi l'80% nel periodo 2012-2040.
  • I combustibili  fossili continuano  a dominare il  settore energetico, anche se la loro  quota cala dal 68%  del 2012 al 55% nel 2040.
  • La quota di energie rinnovabili  nella produzione di energia elettrica totale sale dal 21% nel 2012  al 33% nel 2040, rappresentando quasi la metà della crescita della produzione mondiale di elettricità.
  • Le  sovvenzioni per  le fonti  rinnovabili hanno  raggiunto a  livello globale i  121 miliardi di dollari  nel 2013, in crescita  del 15% sul 2012,  e si  espandono a  quasi 230  miliardi dollari  nel 2030  nello scenario Nuove Politiche, prima di scendere a 205 miliardi dollari nel 2040  a  causa  della  fine  degli incentivi  al  recente  aumento  di capacità.
  • L'uso di  biocarburanti più che  triplica, passando da 1,3  milioni di barili di  olio equivalente al giorno  (mboe/d) nel 2012 a  4,6 mboe/d nel  2040,  momento  in  cui   rappresenterà  l'8%  della  domanda  di combustibili nel trasporto stradale.
  • Gli investimenti  globali al  2040 nel settore  dell'energia elettrica sono pari  a 21.000  miliardi dollari,  con oltre  il 40%  nel settore delle reti di trasmissione e distribuzione.
  • Le emissioni  di CO2  associate alla  produzione di  energia elettrica aumentano da  13,2 gigatonnellate (Gt) nel  2.012 a 15,4 Gt  nel 2040, mantenendo  una quota  di circa  il  40% delle  emissioni globali  nel periodo.


Nucleare: regresso, risveglio  o rinascimento?
 

  • Alla fine  del 2013, erano  operativi nel mondo 434  reattori nucleari commerciali, per una capacità totale installata di 392 GW.
  • Nello  Scenario Nuove  Politiche, la  quota globale  del nucleare  nella produzione di energia elettrica aumenta  leggermente al 12% nel 2040 a fronte di un aumento della capacità di generazione nucleare del 60%, a 624 GW nel 2040.
  • La limitata esposizione dell'  energia nucleare alle perturbazioni nei mercati  internazionali  dei carburanti  e  il  suo ruolo  come  fonte affidabile  di  energia  elettrica  per  il  carico  di  base  possono migliorare la sicurezza energetica.
  • L'energia  nucleare  è   una  delle  poche  opzioni   utilizzabili su vasta  scala  per la riduzione delle  emissioni di CO2.  Ha evitato, dal 1971,  il rilascio  di  una quantità  di  CO2 stimata  pari  a 56  Gt, l'equivalente di due anni di emissioni a tassi correnti.
  • Nello Scenario  Nuove Politiche, la quantità  cumulata di combustibile nucleare esausto  generato (una parte significativa  del quale diventa rifiuto  altamento radioattivo)  più  che  raddoppia, raggiungendo  le 705.000 tonnellate nel 2040.
  • Una ondata di pensionamenti dei  vecchi reattori nucleari si avvicina: quasi 200  dei 434  reattori in  funzione alla  fine del  2013 saranno pensionati da qui al 2040.


Prospettive energetiche dell'Africa
 

  • Nonostante  un'economia  in  rapida  crescita,  l'Africa  sub-sahariana rappresenta il  13% della  popolazione mondiale, ma  solo il  4% della domanda globale di energia.
  • L'Africa sub-sahariana è ricca di risorse energetiche.
  • L'accesso ai servizi energetici moderni è ancora molto limitato.
  • Il  sistema energetico  sub-sahariano  si espande  rapidamente per  il 2040, ma così fanno le richieste che esso dovrà soddisfare.
  • Circa  950 milioni  di  persone  nell'Africa sub-sahariana  otterranno l'accesso  all'energia elettrica  entro  il 2040,  ma  530 milioni  di persone ne resteranno esclusi.
  • La  produzione di  petrolio supera  i 6  milioni di  barili al  giorno (mb/d) nel 2020 per poi scendere a 5,3  mb/d nel 2040, e continua ad essere guidata da Nigeria e Angola.
  • Lo  Scenario   Nuove  Politiche   stabilisce  un  ordine   del  giorno impegnativo  per  i  responsabili  politici  dell'Africa,  ma  non  si avvicina a soddisfare il pieno potenziale dell'energia come motore per la prosperità.
  • Tre azioni possono rilanciare l'economia sub-sahariana di un ulteriore 30%, garantendo l'equivalente di un ulteriore decennio di crescita del reddito pro-capite al 2040:
    • Aggiornamento  del  settore  dell'energia elettrica,  dimezzando  le interruzioni  di corrente  e  garantendo la  disponibilità di  energia elettrica nelle aree urbane.
    • Più stretta cooperazione e integrazione regionale, facilitando nuova generazione su larga scala, progetti di trasmissione e consentendo un ulteriore espansione del commercio transfrontaliero.
    • Una  migliore  gestione  delle  risorse energetiche  e  dei  ricavi, l'adozione di procedure affidabili e trasparenti che consentano un uso più efficace delle entrate petrolifere e del gas.

Concludiamo con una nota sulla sicurezza energetica e in particolare sulla effettiva disponibilità di petrolio. Il rapporto di IEA evidenzia il fatto che i rischi di approvigionamento energetico sono in aumento, nonostante a breve il mercato del petrolio sia ben rifornito: il contributo dei paesi non OPEC diventerà meno rilevante nella seconda parte del periodo considerato. IEA stima inoltre a 132$ il prezzo per barile del petrolio nel 2040. Un prezzo alto del petrolio è necessario per garantire l'economicità, ad esempio, delle operazioni di estrazione da fonti non convenzionali (si veda la figura allegata, CERA. 2008. Ratcheting Down: Oil and the Global Credit Crisis. Cambridge Energy Research Associates, con stime simili fornite anche da rapporti di Goldman& Sachs). Questo tipo di estrazioni sono messe in difficoltà dall'ondata ribassista attualmente in corso.

124