Emissioni CO2 dovute al tratto trentino della A22

Le emissioni di CO2 associate al traffico della A22, limitatamente al tratto in Provincia Autonoma di Trento considerato di lunghezza pari a 68,6 km. Per l'anno 2009, queste emissioni (252.715 kt CO2) corrispondono a circa il 22% del totale delle emissioni associate ai combustibili fossili erogati per autotrazione in Provincia Autonoma di Trento.

Emissioni C02 dal tratto trentino della A22 Bar chart

L'intervallo di valori è stato ottenuto ripartendo diversamente le classi di veicoli riportate da A22 fra veicoli leggeri e pesanti, utilizzando poi i valori specifici di emissione per chilometro (autostradale) ricavabili dalle tabelle SINANET (i valori per l'anno 2010 replicando la variazione 2009-2008). Il valore più basso è stato ottenuto considerando tutti i veicoli pari ad un veicolo medio (ottenuto come media pesata di tutti i veicoli leggeri e pesanti riportati nelle tabelle di riferimento). Il valore intermedio, il cui andamento è evidenziato dalla linea blu, è stato ottenuto assegnando le categorie A e B ai veicoli leggeri, mentre il valore più alto è stato ottenuto assegnando ai veicoli leggeri la sola categoria A. Il grafico seguente riporta le emissioni di CO2 per km per le diverse categorie di veicoli. La terza colonna corrisponde al veicolo medio, associato all'estremo inferiore dei valori riportati precedentemente.

Emissioni per classe di veicolo (gr CO2/km) Bar chart

Come si può vedere, tutte le categorie mostrano un costante decremento dei valori emissivi.

Energia e statistiche

Statistiche dettagliate, complete, tempestive ed affidabili sono essenziali per monitorare la situazione energetica a livello regionale, nazionale ed internazionale.

A scuola di energie rinnovabili con EnergicaMente

Al via la campagna sul risparmio energetico e la sostenibilità ambientale ideata da Estra, in collaborazione con Legambiente e Giunti Progetti Educativi, rivolta a tutte le classi delle scuole medie e alle V classi delle scuole elementari di Toscana, Umbria, Marche, Molise e Abruzzo. (leggi)

Aspetti energetici del riciclo

I benefici energetici associati al riciclo dei rifiuti e la conseguente riduzione di emissioni climalteranti sono talvolta trascurati nonostante il loro impatto sia quantitativamente significativo.

Un interessante rapporto, Il riciclo ecoefficiente - Performance e scenari economici, ambientali ed energetici, presenta dettagli quantitativi sulla situazione italiana dell'anno 2006. In particolare, dalla sezione 1.3.2 : 

Potenzialità fotovoltaica dei tetti trentini

Nell'ambito della promozione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili è interessante conoscere la potenzialità di produzione di energia da impianti fotovoltaici collocati sui tetti degli edifici. L'IEA ha pubblicato nel 2002 un breve rapporto che illustra una semplice procedura per ottenere una stima di tale potenzialità per gli stati dell'Europa centro-occidentale.

Il monitoraggio delle politiche climatiche europee

Il sito The EU Climate Policy Tracker presenta gli sviluppi aggiornati delle politiche energetiche e climatiche degli stati di EU27, assegnando a ciascuno stato una etichetta con valori dalla A alla G, in modo simile a quanto si fa per l'efficienza degli elettrodomestici.

Dislivelli - Ricerca e comunicazione sulla montagna: un nuovo flusso di notizie

E' stato aggiunto all'aggregatore di notizie un nuovo flusso, Dislivelli:

Ekopedia

Ekopedia è una enciclopedia dedicata alla condivisione di soluzioni sostenibili basata sui principi editoriali di Wikipedia.

Rinnovabili senza bugie

La campagna informativa APER (Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili) rintuzza alcuni degli attacchi portati alle rinnovabili ed al loro costo per la comunità tramite un dossier ed un pieghevole scandito da divertenti vignette (con educative didascalie).

per maggiori informazioni

Il progetto Famiglie SalvaEnergia

Il progetto Famiglie SalvaEnergia

Si tratta di una sfida energetica tra le famiglie e il Comune. Amici, conoscenti, colleghi riuniti in gruppi di 5-12 unità famigliari, coordinati da un Esperto, gareggiano per 4 mesi nella sfida al risparmio energetico. Il Comune si impegna a premiare i gruppi che arriveranno a risparmiare almeno il 9%. Per formare un gruppo basta abitare nello stesso comune. Crea quindi il tuo gruppo coinvolgendo amici, colleghi, parenti, vicini di casa.

Homepage del progetto

Fattore di emissione nazionale per l'elettricità al consumo

Fattore di emissione Italia Bar chart

Il grafico riporta la quantità di CO2 (in grammi) associata ad 1 kWh di energia elettrica consumata. I dati sono calcolati partendo dai valori forniti dal National Inventory Report (2011, relativi alla produzione lorda di energia elettrica) che dettaglia la produzione italiana di gas serra e dalle serie storiche ISTAT sulla produzione elettrica italiana, tenendo conto delle perdite di distribuzione e dell'energia usati dagli ausiliari e per i pompaggi per ottenere il fattore di emissione associato all'energia elettrica consumata.

Di seguito riportiamo i fattori di emissione relativi alla sola produzione (non consumo) termoelettrica: si noti l'andamento degli ultimi anni dovuto ad un aumento dell'utilizzo del carbone.

Fattore di emissione Italia (produzione termoelettrica) Bar chart

Progressi dell'EU nella realizzazione degli obiettivi di Kyoto

Nel 2009 le emissioni di gas serra dell'UE-15 hanno subito un notevole calo, del 6,9% rispetto al 2008, ben più consistente del concomitante calo del PIL dovuto alla recessione economica, che nell'UE-15 è stato del 4%, il che dimostra che nel 2009 la profonda crisi economica che ha colpito l'Unione non ha arrestato la trasformazione della sua economia in un'economia a basse emissioni di carbonio. Il tasso di miglioramento dell'intensità di gas serra è rimasto allo stesso livello degli anni precedenti.

Aggiornamento sulla potenza FV installata in Provincia Autonoma di Trento

Fotovoltaico Conto Energia in PAT Line chart
La potenza attualmente installata degli impianti fotovoltaici, in regime di conto energia, risulta essere di 112.305 kW per un totale di 8.224 impianti (fonte GSE - Atlasole). I dati parziali del 2011 indicano la realizzazione di impianti di maggior capacità media rispetto all'anno precedente (un numero inferiore di impianti corrisponde ad una maggiore potenza).

Il mercato italiano delle case in legno nel 2010. Analisi del mercato. Previsioni fino al 2015

Promo_legno in collaborazione con Assolegno ha commissionato l'indagine allo studio 

Presentazioni incontro informativo "Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile"

Presentazioni incontro informativo "Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile"
Relatori:
Federica Resenterra, Servizio Pianificazione Energetica e Incentivi, Agenzia per l'Energia, Provincia Autonoma di Trento
Giovanni Giovannini, Servizio Foreste e Fauna Provincia Autonoma di Trento
Imerio Pellizzari, Presidente Associazione Boscaioli del Trentino
Luca Marconcini, Laureando in Scienze Forestali
Valter Francescato, Associazione Italiana Energie Agroforestali
Ermanno Villotti, Cristoforetti Spa
Roberto Degiampietro, Rizzoli cucine

I siti dell'Osservatorio dell'Agenzia Provinciale per l'Energia di Trento

pubblica amministrazione, open source ed informazione ...

 

L'Osservatorio dell'Agenzia provinciale per l'energia di Trento, per facilitare le attività di monitoraggio degli sviluppi nel campo delle energie rinnovabili, gestisce due siti web ospitati su una macchina virtuale con sistema operativo Ubuntu. I siti sono basati Drupal 6, un CMS open source, e software di supporto open source, gratuito o sviluppato autonomamente:

Linee guida nazionali, le norme su aree non idonee non si applicano a Trento

24 Ottobre 2011
Linee guida nazionali, le norme su aree non idonee non si applicano a Trento

Vittoria della Provincia di Trento sulle Linee guida nazionali per impianti a fonti rinnovabili (Dm 10 settembre 2010). Le norme in materia di individuazione delle aree non idonee non si applicano alle Province autonome.

Stima della radiazione solare su tetti di edifici montani

Lo scopo dello studio è la valutazione della radiazione solare incidente sui tetti di edifici situati in zone di montagna. sulla costruzione di tetti in settori complessi paesaggio montano. La stima è basata su una metodologia multi-scala che combina informazione 3D dalla scala regionale a quella architettonica. La stima della radiazione solare è effettuata all'interno del ambiente open-source GRASS GIS utilizzando r.sun e i suoi moduli ausiliari.

[Bad link]

Programma Spazio Alpino: 4 Bando

Il prossimo 26 ottobre 2011 uscirà i l4 bando del Programma di Cooperazione Territoriale Spazio Alpino: questo è l'ultimo bando della programmazione 2007-2013. Le modalità di partecipazione al bando verranno illustrate in apposite giornate informative organizzate dall'Alpine Contact Point nazionale rispettivamente il 26 ottobre a Milano, il 27 ottobre a Torino, il 3 novembre a Venezia (vedi [Bad link]). Si ricorda che le tre priorità del Programma Spazio Alpino sono: 

COME SVILUPPARE UN PIANO DI AZIONE PER L’ENERGIA SOSTENIBILE - PAES

L’Unione europea (UE) guida la lotta contro il cambiamento climatico e la ha adottata quale propria priorità massima. In particolare, l’UE si è impegnata a ridurre entro il 2020 le proprie emissioni totali almeno del 20% rispetto al 1990. Le autorità locali hanno un ruolo di primo piano nel raggiungimento degli obiettivi climatici ed energetici fissati dall’UE. Il Patto dei Sindaci è un’iniziativa per cui paesi, città e regioni si impegnano volontariamente a ridurre le proprie emissioni di CO2 oltre l’obiettivo del 20%.

Documento: 

Quanto sono 'pulite' le automobili europee?

È stato pubblicato nei giorni scorsi il Rapporto Europeo 2011 “How clean are Europe’s cars” (Quanto sono pulite le automobili europee) stilato dal network europeo Transport&Environment, di cui Amici della Terra, Terra! e Legambiente sono i partner italiani. Il report ci svela uno scenario abbastanza positivo, con la vendite di auto più efficienti nel 2010 rispetto al 2009, con prezzi più bassi.

Tabella parametri standard nazionali per le emissioni di CO2

Coefficienti utilizzati per l’inventario delle emissioni di CO2 nell’inventario nazionale UNFCCC (media dei valori degli anni 2007-2009). Tali dati possono essere utilizzati per il calcolo delle emissioni dal 1 Gennaio 2011 al 31 Dicembre 2012.

Trilogia sulle energie rinnovabili

Un interessante sforzo divulgativo ed editoriale basato sul materiale liberamente fornito dal ENEA e ABB - Asea Brown Boveri Ltd:

  • ENERGIA EOLICA. Il vento, la tecnologia e il mercato;
  • ENERGIA FOTOVOLTAICA. Il sole, la tecnologia e il mercato;
  • ENERGIE ALTERNATIVE. Le rinnovabili oltre Eolico e Fotovoltaico.

[Bad link]

UE: vetture più efficienti a prezzi inferiori

Nel 2010 in Europa sono state vendute una percentuale maggiore di eco vetture con un livello di emissioni medio di 140 grammi di CO2 per km percorso, il 4% in meno rispetto al 2009, e a prezzi più bassi. Tutti i dettagli in [Bad link] pubblicato da Transport&Environment.

Rinnovabili elettriche al 2010: in Italia siamo al 22,8%

Rinnovabili elettriche al 2010: in Italia siamo al 22,8%
Secondo i dati forniti dal GSE il contributo della produzione netta da rinnovabili è passato dal 21,2% del 2009 al 22,8% nel 2010. I 76,9 TWh di produzione da rinnovabili elettriche è stato per quasi il 67% realizzato grazie all'energia idraulica. Importante il contributo del fotovoltaico nel 2010 soprattutto in termini di numerosità degli impianti.

Emissioni mondiali di CO2: rapporto 2011 da PBL/JRC

Dopo un calo dell'1 per cento nel 2009, il livello di anidride carbonica (CO2) è aumentato di oltre il 5 per cento nel 2010, aumento che non ha precedenti negli ultimi due decenni. I paesi industrializzati che hanno ratificato il Protocollo di Kyoto, insieme con gli USA, hanno emesso circa 7,5 per cento in meno di CO2 nel 2010 rispetto al 1990 in linea quindi con gli obiettivi di Kyoto. I loro sforzi tuttavia sono sempre più nascosti nel quadro globale poiché la loro quota di emissioni di CO2 è scesa da due terzi a meno della metà del totale mondiale.

IEA: pubblicato il Rapporto Annuale sull’Energia Eolica 2010

Il comitato esecutivo del IEA Wind Cooperative Agreement, organismo che nell’ambito del International Energy Agency (IEA) è preposto allo sviluppo della cooperazione nella ricerca, sviluppo e diffusione dei sistemi ad energia eolica, ha pubblicato nell’agosto 2011 il Rapporto Annuale sull’Energia Eolica 2010.

Produzione elettrica TAA 2010 (Terna)

In allegato i dati forniti da Terna sulla potenza installata e sulla produzione di energia elettrica, con il dettaglio del comparto rinnovabili, relativamente all'anno 2010. Le informazioni sono completate con il dettaglio dei consumi.

I consumi sono aumentati, rispetto al 2009, del 2,8% mentre la produzione (lorda) risulta pari a 5064 GWh (+4,2%).

Documento: 

Linee Guida rinnovabili, il punto sui recepimenti regionali

A 10 mesi dall'emanazione del D.M. 10 settembre 2010 sono 15 le Regioni che hanno legiferato per recepire le Linee guida nazionali

--------------------------------------------------------------------------------

Sono trascorsi 10 mesi dall'emanazione delle “Linee guida nazionali per gli impianti di produzione di elettricità da fonti rinnovabili” (D.M. 10 settembre 2010). A che punto siamo con il recepimento da parte delle Regioni di queste Linee Guida Nazionali?

La definizione di biomassa nella normativa italiana

La definizione di biomassa nella normativa italiana

Condividi contenuti