gas serra

Piano Clima: Energia-Alto Adige-2050

Energia-Alto Adige-2050 indica la strada che l’Alto Adige intende seguire per diventare un KlimaLand riconosciuto a livello internazionale e adottare un approccio sostenibile alla questione energetica. Il documento strategico si concentra su un orizzonte temporale più ampio rispetto ad altri strumenti di pianificazione adottati dalla Provincia. Gli obiettivi e le misure contenuti in questo documento delineano, infatti, il percorso da seguire nei prossimi quattro decenni.

Due appunti dal WEO 2012 ...

Riportiamo due osservazioni dal capitolo Energy Trends to 2035 del World Energy Outlook 2012:

DOHA: un riassunto visuale di alcuni dati

Un efficace riassunto delle gigatonellate di dati prodotti a Doha sulle gigatonellate di CO2 che sono state emesse, che saranno emesse e che potrebbero essere emesse: infographics.

Monitoraggio dei PAES

Si è svolto a Bruxelles, il 1° febbraio scorso, l’incontro tecnico promosso dall’ufficio europeo del Patto dei Sindaci e dall’istituto di ricerca europeo del Joint Research Center, il JRC, sul monitoraggio dei Piani d’Azione Energia Sostenibile, o PAES, delle città e dei comuni aderenti al Patto stesso.

premio A+Com che premia i migliori Paes d'Italia

È fissato per l’8 marzo il termine per presentare la domanda di partecipazione al premio A+Com, istituito da Alleanza per il Clima Italia e Kyoto Club e rivolto agli enti pubblici che hanno elaborato e deliberato il proprio Piano di azione per l’energia sostenibile (Paes) nell’ambito dell’adesione al Patto dei sindaci.

PAT: Appunti sul monitoraggio energetico ed emissivo

In allegato una breve presentazione sul contesto e le metodologie alla base del monitoraggio energetico ed emissivo della Provincia autonoma di Trento.

L'Italia in ritardo su Kyoto

Le emissioni medie dell'Italia per il periodo 2008-2011 sono risultate essere inferiori del 1,9% rispetto al livello dell'anno di riferimento, e quindi al di sopra della ripartizione degli oneri obiettivo pari a -6,5% per il periodo 2008-2012.

37

La Provincia Autonoma di Trento ed il Patto dei Sindaci

La Provincia autonoma di Trento è da tempo impegnata nelle politiche volte alla diffusione delle buone pratiche per il contenimento delle emissioni climalteranti e per lo sviluppo delle fonti di energia rinnovabile.

Basi dati con informazione energetico/ambientale a livello mondiale: CAIT

La pianificazione energetico ambientale richiede l'accesso a basi dati con statistiche aggiornate degli indicatori chiave a diverso livello geografico per monitorare il proprio progresso verso il raggiungimento degli obiettivi e per confrontarsi con altre regioni nella pianificazione a lungo termine.

Le emissioni mondiali di gas serra nel 2005: sorgenti e quantità

Una delle più grandi sfide legate al riscaldamento globale è dovuta al fatto che i gas serra sono prodotti, direttamente o indirettamente, da quasi tutte le  principali industrie ed attività umane. Il grafico mostra queste industrie e attività, ed il tipo e la quantità di gas ad effetto serra che da loro deriva. Esso comprende stime sulle emissioni basate su più fonti dati internazionali, nel tentativo di spiegare tutte le fonti rilevanti di emissioni di gas serra.

Enerdata Global Energy Statistical Yearbook

Presso il sito di Enerdata è possibile accedere all'edizione 2011 del Global Energy Statistical Yearbook, un'applicazione gratuita didattica online. Questa applicazione fornisce in modo interattivo statistiche sulla produzione, il consumo e il commercio di petrolio, gas, carbone ed energia, per regione e paese del mondo aggiornata fino al 2010.

Competizione energetica fra vicinati e riduzione dei consumi

L'obiettivo del progetto Vicinato energetico (Energy Neighborhood) è stato quello di ispirare ed incoraggiare le comunità a ridurre il consumo energetico tramite modifiche del proprio comportamento. Una squadra, il vicinato  energetico, era costituito da un numero di famiglie variabile da otto a dieci.

NEWCLEAR: un nuovo flusso di notizie aggiunto all'aggregatore di APE/oe

E' stato aggiunto un nuovo flusso di notizie all'aggregatore dell'Osservatorio:

NEWCLEAR - Il blog delle energie dove il nucleare non è tabù

Dalla presentazione di NEWCLEAR:

L'utilizzo dei contatori intelligenti può cambiare il comportamento delle famiglie

Una campagna di risparmio energetico nella città di Sabadell ha aumentato la corresponsabilità dei cittadini nella riduzione dei gas ad effetto serra. Nel 2009 un bando della durata di due mesi ha permesso alle famiglie interessate di arruolarsi nel progetto. I volontari hanno ricevuto per un periodo di sei mesi dei contatori intelligenti che fornivano informazioni istantanee sul consumo in kWh, sui kg di CO2 equivalente associata e sui costi in euro.

Energia, ambiente, Europa 20-20-20 in Eurostat

Eurostat fornisce alcune sezioni tematiche che raccolgono i dati fondamentali per le tematiche

Emissioni CO2 dovute al tratto trentino della A22

Le emissioni di CO2 associate al traffico della A22, limitatamente al tratto in Provincia Autonoma di Trento considerato di lunghezza pari a 68,6 km. Per l'anno 2009, queste emissioni (252.715 kt CO2) corrispondono a circa il 22% del totale delle emissioni associate ai combustibili fossili erogati per autotrazione in Provincia Autonoma di Trento.

Emissioni C02 dal tratto trentino della A22 Bar chart

L'intervallo di valori è stato ottenuto ripartendo diversamente le classi di veicoli riportate da A22 fra veicoli leggeri e pesanti, utilizzando poi i valori specifici di emissione per chilometro (autostradale) ricavabili dalle tabelle SINANET (i valori per l'anno 2010 replicando la variazione 2009-2008). Il valore più basso è stato ottenuto considerando tutti i veicoli pari ad un veicolo medio (ottenuto come media pesata di tutti i veicoli leggeri e pesanti riportati nelle tabelle di riferimento). Il valore intermedio, il cui andamento è evidenziato dalla linea blu, è stato ottenuto assegnando le categorie A e B ai veicoli leggeri, mentre il valore più alto è stato ottenuto assegnando ai veicoli leggeri la sola categoria A. Il grafico seguente riporta le emissioni di CO2 per km per le diverse categorie di veicoli. La terza colonna corrisponde al veicolo medio, associato all'estremo inferiore dei valori riportati precedentemente.

Emissioni per classe di veicolo (gr CO2/km) Bar chart

Come si può vedere, tutte le categorie mostrano un costante decremento dei valori emissivi.

Aspetti energetici del riciclo

I benefici energetici associati al riciclo dei rifiuti e la conseguente riduzione di emissioni climalteranti sono talvolta trascurati nonostante il loro impatto sia quantitativamente significativo.

Un interessante rapporto, Il riciclo ecoefficiente - Performance e scenari economici, ambientali ed energetici, presenta dettagli quantitativi sulla situazione italiana dell'anno 2006. In particolare, dalla sezione 1.3.2 : 

Fattore di emissione nazionale per l'elettricità al consumo

Fattore di emissione Italia Bar chart

Il grafico riporta la quantità di CO2 (in grammi) associata ad 1 kWh di energia elettrica consumata. I dati sono calcolati partendo dai valori forniti dal National Inventory Report (2011, relativi alla produzione lorda di energia elettrica) che dettaglia la produzione italiana di gas serra e dalle serie storiche ISTAT sulla produzione elettrica italiana, tenendo conto delle perdite di distribuzione e dell'energia usati dagli ausiliari e per i pompaggi per ottenere il fattore di emissione associato all'energia elettrica consumata.

Di seguito riportiamo i fattori di emissione relativi alla sola produzione (non consumo) termoelettrica: si noti l'andamento degli ultimi anni dovuto ad un aumento dell'utilizzo del carbone.

Fattore di emissione Italia (produzione termoelettrica) Bar chart

Progressi dell'EU nella realizzazione degli obiettivi di Kyoto

Nel 2009 le emissioni di gas serra dell'UE-15 hanno subito un notevole calo, del 6,9% rispetto al 2008, ben più consistente del concomitante calo del PIL dovuto alla recessione economica, che nell'UE-15 è stato del 4%, il che dimostra che nel 2009 la profonda crisi economica che ha colpito l'Unione non ha arrestato la trasformazione della sua economia in un'economia a basse emissioni di carbonio. Il tasso di miglioramento dell'intensità di gas serra è rimasto allo stesso livello degli anni precedenti.

Raffrescamento ad energia solare: il progetto Sahara

Prestigioso riconoscimento per Napoli: il Ministero dell’Ambiente ha approvato il progetto Sahara - Solar-assisted heating and refrigeration appliances, che ha conquistato il primo posto della graduatoria del bando che finanzia i progetti di ricerca volti a favorire l’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile in aree urbane.

Condividi contenuti