Domanda nazionale di energia elettrica gennaio 2015: -1.1%

Il rapporto mensile sul sistema elettrico pubblicato come di consueto da Terna indica che a gennaio 2015 la richiesta di energia elettrica è stata pari a 26,417 TWh, in calo del 2,0 % rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. La domanda di gennaio, depurata dagli effetti contrapposti calendario-temperatura (si è registrata una temperatura media inferiore di 1°C rispetto al gennaio 2014 e c’è stato un giorno lavorativo in meno) indica un calo del -1,1%.

132

'Era del petrolio': fine all'orizzonte?

Le ragioni della posizione di OPEC che ha portato al crollo del prezzo del greggio sono state oggetto di varie speculazioni. Un articoletto apparso su CleanTechnica presenta una interessante prospettiva.

Emas: in arrivo criteri per commercio al dettaglio

Ufficializzata il 2 febbraio 2015 la proposta di decisione della Commissione europea sui criteri per l'adesione al sistema volontario Emas da parte delle aziende del commercio al dettaglio.
L'organizzazione del settore del commercio al dettaglio registrata al sistema comunitario di ecogestione e audit Emas è tenuta a dimostrare nella dichiarazione ambientale come siano state applicate le migliori pratiche di gestione ambientale e gli esempi di eccellenza previsti dalle regole allegate alla decisione in parola.

fonte: reteambiente

Sulla realizzabilità degli scenari a basse emissioni

Recentemente è stato pubblicato un interessante articolo di rassegna che confronta numerosi scenari di decarbonizzazione investigando in particolare la loro fattibilità:

A critical review of global decarbonization cenarios: what do they tell us about feasibility?

ESAMI CERTIFICATORI

Valutazione prove scritte e date prove orali

Scaldacqua impianto termico?

L'art. 2 comma I-trieces) del D.Lgs. 192/2005 afferma:

Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate.

Quindi uno scaldacqua che produce esclusivamente acqua calda sanitaria per un appartamento non è mai un impianto termico, indipendentemente dalla sua potenza nominale, e non va inserito nel libretto d'impianto per la climatizzazione di cui al DPR74/2013.

L'art. 1 comma 2 del DM 12 aprile 1996 afferma:

Trentino Alto Adige, regina italiana della Green Economy

E’ il Trentino Alto Adige la regione più “verde” d’Italia. Lo rivela il nuovo rapporto di Fondazione Impresa che mette a fuoco i progressi regionali (e non) sul fronte Green economy 2014. Il punteggio ottenuto nell’indice 2014 (0,685) stabilisce una vera e propria leadership, specie se si confronta con gli immediati inseguitori: Marche e Valle d’Aosta (rispettivamente al 2° e 3° posto) ottengono punteggi inferiori a 0,3 ovvero un risultato nemmeno pari alla metà di quanto fatto registrare dal Trentino Alto Adige.

La Energiewende procede come pianificato

Un recente rapporto di Agora, un think tank tedesco, mostra che la transizione energetica (Energiewende) della Germania procede secondo quanto stabilito.

129

Una serie di grafici mostra come gli obiettivi rinnovabili siano sulla buona strada, abbiano  abbassato le emissioni, disaccoppiato il consumo di energia dalla crescita economica, spinto i prezzi all'ingrosso fino a minimi record, e stiano  ora spingendo verso il basso i prezzi al dettaglio.

Piano cottura e sorveglianza di fiamma

Già da diversi anni i piani cottura vengono dotati del dispositivo di sorveglianza di fiamma, più comunemente chiamato termocoppia. Si tratta infatti di un dispositivo poco costoso in grado di interrompere l'alimentazione del gas metano al piano cottura in assenza di fiamma, evitando la fuoriuscita accidentale di gas.

L'evacuazione dei vapori di cottura può essere realizzata attraverso 3 dispositivi differenti:

  • cappa naturale o elettrica;
  • elettroventilatore;
  • fori di aerazione e ventilazione posti uno in alto e uno in basso.

CATASTO PROVINCIALE PER LE CERTIFICAZIONI ENERGETICHE

Conclusa la costituzione del sistema informativo per l'archiviazione degli attestati di prestazione energetica provinciali

Falegnamerie e impianti termici

Le falegnamerie sono attività soggette alle visite e ai controlli di prevenzione incendi da parte dei VVF quando hanno in lavorazione e/o in deposito più di 50 quintali di legname, secondo l’Allegato I (attività 37) del D.Lgs. 151/2011. Il fattore di maggiore pericolo è rappresentato senz’altro dalla presenza di polveri che entro determinati limiti di concentrazione comportano elevati rischi di esplosione.

Indagine sul consumo energetico delle famiglie numerose in Trentino

L'Agenzia per la famiglia ha incaricato FBK di realizzare una ricerca che verifichi se, a parità di alcune condizioni, quali reddito, dimensione della famiglia, ecc., la percezione del contributo economico - che la PAT dal 2011 concede una volta all'anno ad alcune delle famiglie numerose residenti in Trentino - produce un effetto (incremento o decremento) nei consumi energetici domestico. Si tratta di un contributo concesso alle famiglie con 3 o più figli e sulla base dell'ICEF per abbattere i costi connessi ai consumi idrici ed energetici.

Edifici, lo schema di Dm su requisiti minimi prestazione energetica

Dopo il varo a dicembre 2014 da parte dei Ministri competenti è in attesa in questi giorni dell'intesa della Conferenza unificata lo schema di Dm che aggiorna i requisiti minimi della prestazione energetica degli edifici. Il decreto interministeriale è emanato ai sensi del Dl 63/2013, convertito in legge 90/2013 che ha attuato la direttiva 2010/31/Ue, e manda in pensione i relativi allegati tecnici del Dlgs 192/2005.

Efficientamento edifici pubblici, parte la "Cabina di regia"

La Cabina di regia, istituita dai Ministri dello sviluppo e dell'ambiente, ha lo scopo di coordinare in modo ottimale le misure e gli interventi di efficienza energetica sul parco immobili pubblico. L'organismo è composto di 8 membri — 4 nominati dal Minsviluppo e 4 dal MinAmbiente — e si può avvalere della collaborazione di Enea Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) e Gse (Gestore dei servizi energetici).

fonte: reteambiente

Rimodulazione incentivi FV, garanzie su finanziamenti a operatori

Arriva la copertura dello Stato alla Cassa depositi per la garanzia dei finanziamenti delle banche ai titolari di impianti fotovoltaici che hanno subito la decurtazione (rimodulazione) dell'incentivo del Conto energia ex Dl 91/2014.

Riscaldamento serre agricole - impianti termici?

Domanda: un generatore termico riscalda una serra agricola per la coltivazione di piante e fiori. L'impianto è un impianto termico civile? Soggiace alle disposizioni del DPR 74/2013?

Capannone con uffici - unico libretto d'impianto?

Domanda: ho un capannone ad uso industriale con uffici annessi. C'è una caldaia che riscalda il capannone e una caldaia che riscalda gli uffici. Devo compilare 2 libretto d'impianto distinti?

Simulatore economico fotovoltaico (Spalma Incentivi, nuovo SSP e RiD)

È disponibile la nuova release del simulatore economico fotovoltaico SIMULARE 12, aggiornato allo spalmaincentivi, al nuovo regime di Ritiro Dedicato e al nuovo regime di Scambio Sul Posto – realizzato dal team di Intellienergia spinoff Uniroma2. Il software SIMULARE 12 può essere scaricato gratuitamente dal sito Ingegneri.cc del Network tecnico Maggioli. Per effettuare il download occorre registrarsi gratuitamente al sito Ingegneri.cc

L'agenzia provinciale per le risorse idriche e l'energia cambia sede

dal 28 gennaio 2015 sarà in p.zza Fiera, 3 a Trento. [it: energia] [en: energy] [de: Energie]

Rapporti - previsioni - pianificazione: una metodologia sempre trasparente e sicura?

Recentemente la rivista Nature ha pubblicato una nota in cui alcuni ricercatori dell'Università del Texas attaccavano, come troppo ottimistiche, le stime sulla futura produzione americana al 2040 di shale gas (e petrolio) fornite dall'EIA (Energy Information Administration). L'amministratore delegato di EIA,  Howard Gruenspecht, ha ritenuto bene scrivere una lettera a Nature affermando (paradossalmente) che:

Attuazione della certificazione energetica degli edifici in Italia - Rapporto 2014

Lo scopo tradizionale del Rapporto è tracciare un quadro della normativa e dei risultati ottenuti dalle singole Regioni e Province autonome, permettendo così di misurare lo stato nazionale dell’applicazione della Direttiva EPBD.

Condotti intubati - prescrizioni di realizzazione

Domanda: ho installato una caldaia a condensazione al posto della mia vecchia caldaia atmosferica. Il camino esistente è stato intubato con un condotto in plastica. L'installazione è a norma?

Risposta: è possibile realizzare un sistema intubato, ma si devono rispettare alcune prescirzioni della norma UNi7129 che si evidenziano di seguito:

CONVEGNO "La certificazione energetica degli edifici. Stato dell'arte e prospettive future"

29 gennaio 2015, Federazione trentina delle Cooperative

Scarico condense

Il condensato prodotto dalle caldaie a condensazione va sempre scaricato nella rete fognaria, secondo le disposizione della norma UNi11071. Quindi non sono ammessi scarichi a dispersione oppure scarichi nelle acque bianche. Infatti la condensa prodotta da un apparecchio a gas a condensazione ha un grado di acidita medio pH ≅ 4 e gli scarichi reflui domestici hanno un ottima proprietà tampone data la loro elevata basicità. Si consideri che una caldaia da 24 kW, in funzionamento continuo di 8 ore al giorno, a portata termica nominale può produrre fino a 30,7 lt/giorno di condensa.

Camini in cemento-amianto

Domanda: se ho un camino in cemento-amianto devo procedere con la sua sostituzione o posso utilizzarlo ugualmente?

Obbligo installazione caldaie a condensazione?

Domanda: se installo un nuovo impianto a gas oppure ristrutturo un impianto esistente sono obbligato ad installare una caldaia a condensazione?

Risposta: no! Non vi è alcun obbligo normativo di installare caldaie a condensazione. Tuttavia la caldaia deve rispettare i rendimenti previsti dall'allegato B del DPR 74/2013.

Impianti produttivi - comunicazione terzo responsabile?

Il responsabile dell'esercizio e della manutenzione dell'impianto, ove non possieda i requisiti necessari o non intenda provvedere direttamente, affida le operazioni di manutenzione a soggetti abilitati alla manutenzione straordinaria degli impianti termici.

Esclusivamente per gli impianti termici civili, e non per gli impianti termici destinati alle attività produttive, il Terzo responsabile deve comunicare ad APRIE , ai sensi dell'art. 6, comma 5, del DPR 74/2013:

Comunicazione nomina terzo responsabile

Domanda: se un edificio è servito da una caldaia a gas e da una pompa di calore devo inviare due moduli distinti per la comunicazione della nomina di terzo responsabile?

Risposta: se la caldaia e la pompa di calore sono riconducibili al medesimo impianto il modulo sarà uno solo. Diversamente si dovranno spedire due moduli distinti.

Vediamo qualche esempio concreto:

Validità del DPR59/2009

L'art. 13 del D.L. 4 giugno 2013, n. 63 convertito in legge dall’ art. 1, comma 1, L. 3 agosto 2013, n. 90 ha introdotto alcune modifiche al D.Lgs. 192/2005 in particolare all'art. 16 - Abroigazioni e disposizioni finali. A seguito di tali modifiche, l'art. 16 del decreto legislativo afferma che:

Verso un sistema energetico 'open source'

Innovazione tecnologica, ricerca scientifica, compartecipazione integrata di enti pubblici e privati, chiare linee guida istituzionali. Utili al raggiungimento degli obiettivi comunitari di decarbonizzazione, gli elementi emersi alla Set Plan Conference, la due giorni organizzata dall'Enea svoltasi a Roma il 10-11 Dicembre, continuano a ruotare attorno a un unico asse portante: un consumatore più attento e attivo.

Condividi contenuti